top of page

ENRICO IV

I cavalli non entrano nelle case

 

 

Creazione 2023

 

Regia, scene, costumi | Giorgia Cerruti

Adattamento dell’opera di Pirandello a cura di Fabrizio Sinisi

Con Davide Giglio+Raffaella Tomellini+attore in via di definizione

(previsto laboratorio-audizione in febbraio 2023)

Elaborazione scenotecnica e luci | Lucio Diana

Sound design, fonica | Guglielmo Diana
Tecnico di Compagnia | Marco Ferrero
Responsabile organizzativo | Angelo Pastore
Segretaria di compagnia | Emanuela Faiazza

 

DEBUTTO PREVISTO: primavera estate 2023

 

Uno spettacolo di Piccola Compagnia della Magnolia, in coproduzione con CTB/Centro Teatrale Bresciano (altri enti in via di definizione)

 

Non sono particolarmente devota alla scrittura in sé e per sé operata da Pirandello nell’ Enrico IV. Quello che mi intriga è l’architettura più grande che regge la storia. Mi appassiona la festa in maschera dove gli invitati non si riconoscono, finta la reggia, finti i costumi,…chi sono davvero tutti questi individui ? Oggi dove li collochiamo?

E poi quella caduta da cavallo - provocata da un rivale in amore - come stampella regalata dall’autore per concedere al protagonista una fuoriuscita dal reale.

Non mi sembra però che sia la pazzia l’intruso che entra a forza nella vita di “Enrico”.  La persona che assume il ruolo di Enrico IV diventa un osservatore, dall'interno di una gabbia, di un universo crepuscolare; è un uomo invisibile per gli altri nella sua vera natura. Eppure lui vede bene tutto, e tutti, e distrugge verità fittizie. Vede tutto. Ma è sordo, a tutto.

Forse anche lui – sulla falsariga del Des Esseintes di Huysmans - vive una vita “da alternativo”, acquista una tartaruga e insoddisfatto dell'accostamento dei colori di questa con quelli della sua abitazione, le fa incastonare sul carapace una composizione di pietre preziose selezionate con cura, su sfondo oro, ma purtroppo l'animale muore quasi subito.

È il desiderio di trasformazione che lo conduce. La trasformazione è un tema biologico, teatrale, spirituale, che risuona potente.

Mi sembra che Enrico compia un eremitaggio di dodici anni, durante il quale assiste alla perdita dell’unico amore della sua vita, degli amici, dei ricordi. E inevitabilmente aumenta l’ansia di sottrarsi al fluire del tempo. Così, mentre tutto passa, Lei – la donna amata – resta invece lì, bloccata in una bellezza congelata, perfetta nel ricordo e in un sentimento non abbastanza vissuto per arrivare a corrompersi. C’è qualcosa di sinistro in questa plastificazione che rifiuta la morte e il corrompersi. Vorrei provare a capire il perché di questo terrore che ben racconta la nostra contemporaneità.

Dopo la nascita di Favola, testo scritto appositamente sulla pelle mia e di Davide Giglio, per il secondo anno la nostra Compagnia prosegue un rapporto appassionante con Fabrizio Sinisi. Amo la sua scrittura così svincolata dai tempi e così inserita in un Tempo degno e circolare, dove l’attore trova temperature ambiziose e sfidanti, dove il politico e il poetico si parlano. Questa volta chiederò a Fabrizio di operare con mano sottile un adattamento dell’opera pirandelliana. Un viaggio per tre attori dentro alle parole pirandelliane, per scrostarle e rivelarne l’essenza che può parlare a noi spettatori di oggi.  Compiremo un tragitto dentro l’umana vulnerabilità, fatta di solitudine, voli pindarici, cadute dalle quali a volte ci si rialza a stento. In eterno disequilibrio tra le forme da assumere per esistere nel mondo e la retta luminosa che traccia la nostra essenza.

Giorgia Cerruti

 

PROGETTO VULNERABILI 22.24

Stiamo vivendo un tempo fragile, friabile, dove abbiamo la sensazione che ogni visione possa – a contatto con l’esterno – polverizzarsi. In questo respiro nasce Progetto Vulnerabili, come visione ardita sul futuro, come tentativo di attraversare sfaccettature dell’umana vulnerabilità attraverso tre opere.

FAVOLA 

Creazione 2022. Regia di Giorgia Cerruti - testo inedito di Fabrizio Sinisi

VULNERABILI AL RICORDO

Uno spettacolo di Piccola Compagnia della Magnolia, in coproduzione con CTB/Centro Teatrale Bresciano, Fondazione TPE/Torino, Gli Scarti/La Spezia, Teatro della Città/Catania

 

ENRICO IV I cavalli non entrano nelle case

Creazione 2023. Regia di Giorgia Cerruti - adattamento di Fabrizio Sinisi

VULNERABILI ALLE APPARENZE

Uno spettacolo di Piccola Compagnia della Magnolia, in coproduzione con CTB/Centro Teatrale Bresciano (altri enti in via di definizione)

 

I CENCI

Creazione 2024. Regia di Giorgia Cerruti - adattamento di Fabrizio Sinisi

VULNERABILI ALL'INGIUSTIZIA​

Uno spettacolo di Piccola Compagnia della Magnolia, in coproduzione con CTB/Centro Teatrale Bresciano (altri enti in via di definizione)

enrico iv LAB AUDIZIONE.jpg

LABORATORIO-AUDIZIONE 20.21 FEBBRAIO TORINO

bottom of page